Questo sito utilizza i cookie per fornire servizi. Ulteriori Informazioni. Proseguendo la navigazione  permetti i cookie

Le mani dei bambini: cosa fare se qualcosa non va e se ci sono malformazioni

La mano permette a un neonato di conoscere il mondo e per questo se alla nascita c'è una malformazione è importante intervenire il prima possibile con chirurgia e riabilitazione.

1 bimbo ogni 1500 nasce con una mano malformata. Una condizione che può essere più o meno grave ma che va valutata subito da uno specialista per capire come intervenire sia dal punto di vista della riabilitazione sia da quello chirurgico. La mano permette al neonato di esplorare e conoscere il mondo che lo circonda e per questo l’obiettivo è quello di dargli il prima possibile la miglior funzionalità, soprattutto alla luce del fatto che il periodo che va dai 10 ai 18 mesi è quello in cui il cervello ‘impara a conoscere’ la mano, adattando gli schemi mentali al suo sviluppo. Non è da trascurare, infine, il sostegno psicologico alla famiglia, considerando che in molti casi il bambino e i suoi genitori dovranno affrontare più di un intervento chirurgico. Ne parliamo in questa intervista con Giorgio Pajardi, Direttore della UOC di Chirurgia della Mano dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, Scuola di Specializzazione di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica dell’Università degli Studi di Milano.

guarda il video